Benessere, Home

Saranno le zuppe della nonna il nuovo trend salutista?

Viene dagli USA la tendenza a rivalutare il segreto delle nonne per affrontare i rigori invernali, e recuperare la tonicità fisica del pre – Feste. Si chiama comfort food, il cibo confortevole che appaga stomaco, esigenze caloriche e bisogno di riscaldarsi.

Zuppe, vellutate, minestre di verdure, brodo di pollo o ottenuto con altre ossa, carni o pesci, sono uscite dalle cucine di capaci e previdenti nonne, mamme e zie, per approdare nei ristoranti e nei luoghi deputati all’healthy food.  Nei nuovi menu troverete sempre più spesso, oltre ai primi e secondi, souping e bone broth, che integrano le zuppe tipiche della cucina cinese, giapponese, vietnamita ed orientale in genere, con quelle della cucina mediterranea, magari con l’aggiunta di ingredienti mediati da entrambi.

Nelle grandi città come New York, pronte a recepire ogni nuovo trend, troverete catene dedicate, che vi offriranno zuppe o brodi, in molte interessanti formule. Adatte a reidratare, tonificare e disintossicare, le zuppe suppliscono perfettamente al bisogno naturale di mangiare di più per affrontare le stagioni più fredde, senza esagerare con le calorie, e con un ottimo equilibrio tra vitamine, minerali, sali e grassi.

Nutrono, soddisfano il naturale bisogno di calore dall’interno, sono digeribili e quindi ottime anche per affrontare una giornata di lavoro, senza appesantire lo stomaco, sono ricche di fibre e ottime per l’intestino.

In un periodo storicamente dedicato agli innamorati come i primi mesi dell’anno, aggiungere zenzero e peperoncino alle vostre zuppe, può rivelarsi molto vantaggioso. Per l’indubbio apporto di calore, che scioglierebbe anche un iceberg, e per la carica erotica supplementare, dovuta ad ingredienti dall’alto potere afrodisiaco. Non dimenticate di aggiungere parmigiano grattugiato alle vostre Hot Soups, per un risultato molto positivo.