Enogastronomia, Home

Il formaggio: il prezioso alleato allo sviluppo dell’umanità

La bellezza delle analisi e delle ricerche storiche sta nel fascino delle scoperte che ribaltano teorie, ricollocano i fatti in tempi sempre più remoti ed illustrano i percorsi compiuti dai nostri antenati per progredire. Il caso eclatante della nuova scoperta da parte dell’equipe di Sarah McClure della Pennsylvania State University, che retrodata la scoperta dell’abilità di produrre formaggio a 7.000 anni fa, è proprio uno di questi.

Dai resti contenuti in alcun cocci di vasellame e vasi, rinvenuti sulla costa dalmata in due siti, a Pokrovnik e Danilo Bitiny, dove si stanno svolgendo scavi, sono emersi chiari segni della capacità dei nostri progenitori di produrre formaggio. Questo evidenzia la possibilità per le popolazioni originarie dell’Africa, che hanno attraversato il Caucaso e i Balcani, di espandersi verso nord, grazie ad approvvigionamenti che integravano la loro dieta.

Consumatori di carne, pesce e latte, dediti all’agricoltura (sono stati rinvenute tracce di pane risalenti a 14.000 anni fa) e alla pastorizia, i nostri antenati non avevano ancora sviluppato la capacità di consumare latte da adulti, mancava la variante genetica che avrebbe permesso di digerire il lattosio. Avevano però già sviluppato la capacità di trasformare il latte, in un prodotto fermentato e quindi meglio assimilabile e digeribile, il prototipo del formaggio a lunga conservazione.

Avere la possibilità di utilizzare il latte in eccesso grazie alla trasformazione in forme di formaggio, conservate già 7.000 anni fa, in orci, vasi e setacci, consentiva di muoversi meglio, assicurava un buon carico proteico all’alimentazione della parte più debole della comunità, i più piccoli e gli infanti, e dava il via per gli adulti a spostamenti verso nuovi territori ed insediamenti. Svincolava dalla necessità di legarsi ad un territorio, e facilitava la propagazione della specie verso la colonizzazione del nord e dell’Europa.

Questa nuova forma di alimentazione o integrazione alimentare, avrebbe contribuito in modo rilevante alla salute dei nostri progenitori, in grado di prosperare e quindi di mutare le proprie esigenze, da agricoltori a veri e propri esploratori delle terre circostanti. La trasportabilità del formaggio, esente dal problema della deperibilità di carni e pesce, è stata la riserva energetica, alla base degli spostamenti che hanno portato allo sviluppo dell’umanità.