Abitare, Benessere, Home

Il ventilatore: usarlo bene

Se la vostra abitazione non è dotata di aria condizionata, per scelta, comodità, spesa o semplicemente perché non è casa vostra ma quella che avete affittato per le vacanze, ci sono alcuni piccoli stratagemmi per un uso dei ventilatori accurato e che potrà regalarvi frescura.

Se potete evitarvi di puntarvelo addosso, se lo puntate verso un angolo superiore della stanza, ne trarrete beneficio, l’aria rimbalzerà sulle pareti e tutta la stanza avrà quasi la stessa livello di frescura, mentre se uscite dal cono dell’aria puntata direttamente a voi, vi sentirete soffocare di nuovo.

Se avete un frigorifero con ghiacciaia, mettete a produzione ghiaccio in quantità, le bustine che si riempiono sono perfette perché possono essere ricongelate mille volte. Prendete il vostro ghiaccio, mettetelo in una pentola o contenitore di metallo, e mettetelo accanto al ventilatore in modo che l’aria colpisca il vostro contenitore, la temperatura si abbasserà velocemente. Ricordate di porre uno straccio sotto al contenitore, perché la condensa farà gocciolare le perline di umidità, che si formeranno sul metallo.

Di notte approfittate dello scambio termico, invece di mettere il ventilatore all’interno della stanza, mettetelo sulla finestra o sul balcone, diretto verso  l’interno in modo che raccolga la brezza esterna e la utilizzi per rinfrescare tutta la stanza. Se avete uno spruzzino a disposizione, bagnate con quello le lenzuola, l’effetto calmante sarà immediato. Anche le federe messe nel congelatore per qualche minuto, possono aiutare, ma l’effetto sarà a rapidissima scomparsa.

Utilizzate le ventoline estrattive del bagno o della cucina per portare all’esterno il calore accumulato, tenete le griglie delle finestre abbassate di giorno ed usate le tende, cambiate le lampadine ad incandescenza che producono un sacco di calore con quelle a basso consumo, e bevete cose fresche non gelate, i cocktail teneteli per la sera e la notte, di giorno la soluzione migliore è sempre l’acqua con la classica fettina di limone, magari da consumare, per il buon lavoro fatto, in una stanza già rinfrescata e ventilata.