Benessere, Home

Mamma spegni quel telefono!!

E’ questo il grido che sempre più spesso si leva dagli adolescenti e dai bambini. Una ricerca svolta in 70 paesi ha evidenziato lo sconforto dei figli che si sentono sempre più abbandonati, anche se a distanza zero, dai propri genitori, troppo presi dalle conversazioni, navigazioni e acquisti fatti in rete. I dati hanno posto l’accento sulla difficoltà di comunicare, anche se questo sembra un paradosso, proprio per l’uso eccessivo di strumenti che avrebbero la funzione di favorire la comunicazione.

E’ il cellulare il nemico giurato, la parete invisibile che allontana i genitori, che toglie tempo alla conversazione eye to eye, ed abbassa la stima degli adolescenti nelle capacità educative e di supporto dei propri famigliari, passati da modelli esemplificativi a statue con l’occhio vitreo, fisso sullo schermo degli smartphone o tablets, anche se va detto per contraltare, che nessuno degli adolescenti rinuncerebbe al proprio smartphone.

Nel giro di soli 5 anni la percentuale dei giovanissimi in possesso di un telefono personale sono passati dal 44% all’89% doppiando il dato precedente. La smania di possedere il mezzo tecnico più recente è diventata una sindrome “new model mania”, anche se le funzioni così ben promosse da campagne ad hoc, in realtà non verranno mai esplorate o utilizzate a fondo, però possedere il modello S, Plus, Wide o Extra è una priorità davanti alla quale non si può resistere.

L’essere connessi molte volte al giorno per controllare social e chat è l’altro dato che emerge dalla ricerca, la difficoltà a staccarsi dal  proprio telefono sta mutando sensibilmente anche i rapporti interpersonali. Gli adolescenti sentono una minore esigenza di contatti personali, passati dal 56% al 32% e preferiscono delegare a contatti in rete, anche tramite cam, la conoscenza e la conversazione, che si svolge in un luogo “sicuro” dove tutto: luci, colori, arredo, sono sotto controllo  e senza le “insidie” del luogo pubblico. Un segnale di grande insicurezza.

Si stanno moltiplicando le cliniche e i camp “no smart che consentono una disintossicazione, luoghi dove i telefoni vengono requisiti e passare un lungo weekend senza la possibilità di collegarsi, o vivere a contatto della natura in aree non coperte da segnale telefonico, in modo da doversi forzatamente astenere dalla compulsione di controllare lo schermo in attesa di un sms, messaggio whatsapp, email o invito ad una chat, ogni minuto.

Consolatevi, per tutti voi che non sapreste vivere senza un telefono in tasca, e non potete fare a mena di una sferzata di novità, ieri Apple ha presentato il nuovo XS MAS e costa solo 1.500 dollari… Prenotatelo.